All’inizio, ogni collezionista raccoglie quasi tutti gli esemplari acquisiti per formare una collezione generale. Queste collezioni sono molto numerose e difficili da organizzare. Dopo qualche tempo, il collezionista decide di specializzare la collezione. Ci sono molte possibilità. 

Molto popolari sono le collezioni dedicate a un luogo particolare, una regione, una miniera, un paese, un’unità geologica, un deposito, ecc. Tali collezioni sono chiamate collezioni regionali. Ogni collezione richiede la raccolta più completa possibile di esemplari di una data regione (nel caso di una collezione regionale) o di un dato gruppo (nel caso di una collezione tematica). Spesso i collezionisti espandono le loro collezioni, ad esempio da “minerali del deposito di rame di Valheim” a “minerali dei depositi di rame europei”.

Una volta che abbiamo scelto una specializzazione per una collezione, possiamo iniziare a popolarla. Ci sono tre fonti principali per l’acquisizione di esemplari: auto-esplorazione, scambio e acquisto. I minerali possono essere acquistati e scambiati privatamente o in occasione di scambi organizzati da società e organizzazioni varie. Spesso questi scambi sono accompagnati da concorsi per le collezioni più interessanti e belle. Queste pietre possono anche essere acquistate in alcuni musei o negozi di mineralogia. Sempre più spesso i collezionisti utilizzano siti d’asta e negozi online.

Presentazione e conservazione 

Man mano che la collezione cresce, bisogna pensare alla sua presentazione. Il modo migliore e più popolare è quello di mettere gli esemplari in vetrine di vetro o legno-vetro. Sfortunatamente, c’è una piccola selezione di tali vetrine sul mercato e sono spesso piuttosto costose. La soluzione può essere quella di commissionare a una società pertinente la realizzazione di una tale vetrina secondo le vostre linee guida. Ikea ha una proposta molto interessante nella sua offerta, per 150€ offre una piccola vetrina di vetro chiamata Detolf. Le vetrine pronte all’uso di solito non hanno illuminazione, oppure quella presente è completamente inadatta per una corretta illuminazione degli esemplari. L’illuminazione economica può essere fatta a mano e si possono usare i nastri a led recentemente popolari. Il vantaggio è la possibilità di scegliere la temperatura del colore (bianco freddo o caldo) e i bassi costi energetici.

La fase successiva della creazione della nostra esposizione domestica di minerali è la corretta preparazione degli esemplari. Alcuni di essi, subito dopo essere stati lavati, sono pronti per essere collocati su uno scaffale in una vetrina. In primo luogo il minerale deve essere stabile e in secondo luogo deve essere posizionato esteticamente in relazione all’osservatore. Per esempio: un blocco di roccia con cristalli che crescono da un lato avrà un aspetto più attraente se posto con i cristalli verso l’alto, una tale disposizione, dove la parte più bella dell’esemplare è in alto, funziona bene nella maggior parte dei casi. Nel caso di esemplari la cui parte inferiore non permette una posizione stabile possiamo incollarli su supporti acrilici. La soluzione migliore per questo scopo è la colla in stick, applicata con una pistola speciale ad alta temperatura, o uno stucco speciale. Per gli esemplari più grandi, possono essere acquistati dei supporti acrilici. 

Nel caso di scaffali con una profondità considerevole, vale la pena comprare dei supporti a forma di U rovesciata, che permettono una maggiore esposizione degli esemplari collocati nella parte posteriore della vetrina. Alcuni collezionisti usano anche scatole trasparenti e chiudibili per conservare gli esemplari. Questi funzionano bene quando i minerali sono presentati in scaffali aperti, poiché evita che si accumuli la polvere. 

Catalogare e descrivere i minerali

Quando la collezione contiene un gran numero di esemplari, è impossibile ricordare la loro origine o il loro nome. Pertanto, gli esemplari dovrebbero essere catalogati all’inizio della raccolta. È meglio creare un quaderno spesso per questo scopo (è anche possibile catalogarli in un computer, per esempio in Excel o Word). La descrizione di ogni esemplare dovrebbe includere il suo numero, il nome, il luogo in cui è stato trovato (gli esemplari di cui non si conosce il luogo di ritrovamento perdono indubbiamente il loro valore), l’origine (cioè comprato, raccolto, scambiato). La data di acquisizione può anche essere inclusa, e se acquistata, il prezzo e altre informazioni (ad esempio le dimensioni, commenti su dove o in quali circostanze è stata trovata). Nella descrizione degli esemplari fossili, vengono fornite informazioni aggiuntive, come l’affiliazione sistematica, l’età, da quale strato proviene l’esemplare).

Il minerale deve essere contrassegnato con il numero corrispondente nel catalogo. Questo può essere fatto incollando un piccolo pezzo di carta con il numero o segnandolo con correttore/vernice bianca, poi scrivendoci sopra il numero e coprendolo con una goccia di vernice incolore. Un tale campione può essere liberamente lavato in seguito e il numero rimarrà intatto.

Non perdere i nostri articoli simili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.