Un conoscente mi ha inviato un campione di una pietra che sospettava essere di origine cosmica. Il mio esame ha indicato che non si trattava di un meteorite, ma di un pezzo di minerale terrestre (pirite) o di rifiuti metallurgici. Poiché mi imbattiamo spesso in domande simili, ho preparato una breve guida su come distinguere un meteorite da una semplice roccia. 

I meteoriti sono di solito marrone scuro o addirittura neri. La loro superficie è relativamente liscia e un po’ lucida. Questo è l’effetto subito dal il masso che cade nell’atmosfera terrestre a grande velocità, e che subisce una parziale fusione. La maggior parte dei meteoriti contiene ferro, quindi un campione sospettato di origine cosmica dovrebbe pesare di più di un equivalente terrestre di dimensioni simili. Il contenuto metallico di un meteorite può essere confermato applicandovi un magnete.  

Meteoriti di pietra

Le statistiche mostrano che le  piu’ frequenti meteoriti che cadono sulla superficie terrestre (86% dei casi registrati) sono di origine rocciosa e si definiscono condriti. Contengono fino al 20% di ferro metallico sotto forma di grani di lega Ni-Fe che è responsabile dell’aspetto arrugginito della loro superficie già dopo diversi giorni di permanenza nell’ambiente umido della Terra. Le condriti hanno anche proprietà, quindi un test magnetico di base può essere utilizzato come primo passo nella loro identificazione.

Caratteristiche di base dell’esemplare che il cercatore può determinare in situ. 

Nota: un magnete è sempre necessario – preferibilmente al neodimio, a volte si può usare la carta vetrata fine.

Meteoriti di ferro

I meteoriti di ferro si trovano relativamente frequentemente, nonostante il fatto il numero relativamente basso di cadute (<5%). Molti esemplari di ferro cosmico hanno caratteristici regmagliti sulla superficie, il che li rende più facili da distinguere dal ferro ordinario. Questi meteoriti sono composte da cristalli di ferro contenenti nichel (tenite e kamacite). La loro sezione trasversale incisa con acido nitrico al 5% dona bei mosaici disposti da campi di cristalli tagliati che formano le cosiddette figure di Widmanstaetten. Tagliare i meteoriti di ferro può essere difficile a causa dell’alta durezza di questi ultimi.

Il ferro cosmico è nichelato, il che significa che contiene più del 4% di nichel. Se un esemplare non contiene o contiene troppo poco nichel significa che è di origine terrestre. Non è stato ancora trovato nessun meteorite in cui il ferro sarebbe completamente privo di nichel, anche se ci sono alcuni temerari che sostengono il contrario (i meteoriti lunari possono contenere piccole inclusioni di ferro puro).

Dobbiamo anche distinguere un tipo più raro di meteoriti, cioè le acondriti (8% della caduta). Si tratta principalmente di analoghi di rocce terrestri, che solo un esperto è in grado di selezionare per studi dettagliati. L’identificazione di queste rocce è possibile solo in un laboratorio professionale specializzato nella ricerca di meteoriti.

Semplici test chimici

Se hai già portato a casa una pietra sospetta (contenente ferro metallico) dovresti controllare se è davvero un meteorite. La maggior parte dei siti web suggerisce di testare il contenuto di nichel, ma io raccomando un metodo più semplice per iniziare; l’incisione del metallo ferroso. Ecco come eseguire un tale test.

  1. esporre l’interno del campione levigando la superficie esterna, creando una cosiddetta finestra. Se smerigliate lo strato superiore del campione con una lima, dovrete poi usare la carta vetrata per rimuovere i residui di lima sul campione. È meglio tagliare un pezzo del campione in una volta sola e tenerlo freddo durante il processo di taglio (non tagliare con una sega!). Se il campione supera il test, il pezzo tagliato può essere inviato per un ulteriore esame professionale;
  2. Si può carteggiare la superficie tagliata con carta vetrata diminuendo la grana fino a quando non ci sono graffi visibili dopo il taglio (ci si può fermare alla grana 600 – non deve essere lucidato!)
  3. Fare una soluzione di acido nitrico del 5-10% circa. Ricordati di fare attenzione all’acido!
  4. Dopo il risciacquo, incidere la superficie con acido nitrico. L’incisione non dovrebbe durare più di 3 minuti, preferibilmente fatta in una zona aperta a causa della possibilità di rilascio di gas tossici. La superficie deve essere lavata periodicamente con la soluzione acida. La superficie finale incisa deve essere risciacquata con abbondante acqua distillata per rimuovere completamente l’acido. 
  5. La superficie del campione così preparato deve essere fotografata e la fotografia può essere inviata per la consultazione. Il ferro terrestre comincerà a scurirsi quasi immediatamente, la sua superficie diventerà nera dopo pochi secondi. Se strutture simili a Widmanstaeten sono visibili dopo l’incisione, si dovrebbe comunque eseguire un test del nichel.

Non perdere i nostri articoli simili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.