Quest’arma testimonia la rinascita del gusto per l’antichità nella seconda metà del XVIII secolo e nei primi decenni del secolo successivo. Lo stile neoclassico che dominava tutta la produzione artistica dell’epoca si espresse anche in campo militare, in particolare attraverso la comparsa, a partire dalla fine del regno di Luigi XV (1710-1774), di vari modelli di spade ispirate all’armamento dei legionari romani, sia la spada corta detta gladio che la spatha da cavalleria, arma lunga introdotta all’inizio del periodo imperiale.

brown concrete building under blue sky during daytime

Un’arma progettata da Jacques-Louis David?

Da sempre attributo della giustizia, la spada – in opposizione alla spada, che aveva un simbolismo feudale derivante dall’Antico Regime – fu ripresa durante la Rivoluzione francese, di cui incarnava gli ideali ispirandosi all’estetica e alle virtù della Roma repubblicana, posta a modello della Repubblica francese. In effetti, nessuna arma è più emblematica di questo periodo della spada degli studenti dell’École de Mars [fig. 3], creata il 13 Prairial Year II (1 giugno 1794) per sostituire l’École royale militaire, abolita dalla Convenzione Nazionale nel settembre 1793. Destinata all’istruzione militare e civile dei quadri dell’esercito rivoluzionario, l’istituzione fu sciolta meno di cinque mesi dopo, il 23 ottobre dello stesso anno.

Anche se non esiste una prova formale, la paternità di quest’arma è certamente attribuita al pittore Jacques-Louis David (1748-1825). Membro della Convenzione e vicino a Robespierre1, fu incaricato di creare per gli studenti “un costume militare come si addice al nostro clima, alla nostra morale, alla nostra rivoluzione2 “. 2 Il costume, in uno stile antico che alcuni considerano troppo teatrale3 – il che si spiega con lo stretto rapporto che l’artista ha sempre avuto con le arti dello spettacolo4 – è completato da un’arma bianca sospesa a una tracolla di pelle nera [fig. 4]. L’artista scelse naturalmente la spada, di cui esistono molte varianti nei suoi dipinti [fig. 5 e 6]: organizzata sul modello dell’esercito romano e dedicata all’insegnamento delle virtù repubblicane, l’École de Mars doveva avere una “spada alla romana”, come veniva chiamata all’epoca.

Simboli repubblicani e ispirazione orientale

Nonostante la breve durata dell’istituzione, un gran numero di queste spade sono sopravvissute, autentiche o trasformate per altri usi5 . Questo è il caso della copia del museo, alla quale sono state apportate diverse modifiche. Il principale è la rimozione del suo elemento più caratteristico – l’unico che non è di spirito classico, ma dovuto alla moda dell’orientalismo: la guardia d’acciaio a tre punte6, per la quale David si è ispirato alla nimcha, la sciabola corta dei cavalieri del Maghreb [fig. 7]. Un’arma che sembra aver avuto un’attrazione particolare per lui, dato che lo stesso anno riprodusse la sua caratteristica montatura nella sciabola del costume che creò per i rappresentanti del popolo negli eserciti7 

Manca anche il cappuccio frigio in rilievo o “liberty cap” sulle linguette trapezoidali della guardia . Questo simbolo rivoluzionario è stato probabilmente limato, come potrebbe suggerire lo strappo visibile alla base del lembo posteriore.

Inoltre, alcuni elementi decorativi sono stati aggiunti per ammorbidire le linee severe dell’arma: sul lato principale, la guardia è stata arricchita con rami di ulivo stilizzati e un medaglione ovale con una testa di Medusa in rilievo, mentre palmette ritagliate ora adornano il fodero rivestito di feltro rosso. Sulla parte anteriore del fodero, una testa di leone in rilievo maschera il motivo originale inciso, un livello perpendicolare, ancora visibile sul retro [figg. 9 e 10]. Durante la Rivoluzione, l’allegoria politica adottò nuove figure che evidenziavano le virtù rivoluzionarie della Libertà e dell’Uguaglianza. Mentre la prima è simboleggiata dal famoso berretto frigio, la seconda è rappresentata da questo emblema derivato dalla massoneria8 : “per la bilancia, che può essere equiparata a quella di Themis, gli artisti moderni sostituiscono la livella, un simbolo più espressivo e che caratterizza meglio l’Uguaglianza9 “.

Così come non sappiamo in quali circostanze Jean-Gabriel Eynard sia venuto in possesso di quest’arma, non sappiamo nulla sulle ragioni delle modifiche apportate ad essa. Tuttavia, qualunque sia la persona che li ha commissionati e qualunque sia la loro intenzione, questi interventi, realizzati probabilmente all’inizio del XIX secolo, avevano chiaramente lo scopo di far dimenticare l’origine rivoluzionaria di quest’arma, nata sotto il regime del Terrore (1793-1794). Accentuando il carattere “romano” di questa spada della Scuola di Marte, lo scopo era senza dubbio quello di produrre una spada da cerimonia nello stile antico alla moda, o anche un accessorio per una festa in costume, che era molto in voga fino al Primo Impero.

Se vuoi altri articoli simili, clicca qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.