Non c’è una regola univoca per distinguere una roccia da un osso, ma ci sono alcuni principi che possono sicuramente aiutarti a distinguere la differenza.

Quando ero bambino, uno dei miei zii mi regalò quello che diceva essere un vero osso di dinosauro. Il piccolo oggetto nero sembrava certamente una specie di osso, e l’ho tenuto nella mia piccola collezione di denti di squalo e altri fossili nel mio armadio. Dopo un po’ me ne dimenticai quasi completamente, ma quando feci un corso universitario sui dinosauri mi ricordai del piccolo oggetto. Lo portai al mio professore per chiedere da che tipo di animale potesse provenire.

Non era affatto un fossile, mi disse. L'”osso di dinosauro” era in realtà un piccolo grumo di minerale che si era formato intorno a qualche pezzo di detrito. Una parte rotta dell’oggetto ha reso facile l’identificazione. La struttura interna esposta era compatta, uniforme e liscia. Mancava completamente qualsiasi segno di struttura ossea interna che un vero osso di dinosauro avrebbe esibito.

I paleontologi rispondono a decine di domande simili ogni anno. Molte persone trovano rocce vagamente a forma di osso e le portano per chiedere da che tipo di dinosauro provengono le “ossa” e se il museo sarebbe interessato a comprarle. Inutile dire che la maggior parte di queste persone se ne vanno un po’ deluse per non aver fatto la scoperta del secolo in cortile, ma queste esperienze comuni portano alla luce una semplice domanda: come si fa a distinguere un osso fossile dalla pietra?

Non c’è una regola fissa per distinguere la roccia dalle ossa, ma ci sono alcuni principi che possono sicuramente aiutarti a distinguere la differenza. Uno dei più semplici è che bisogna sapere dove cercare i fossili. Se si individua un “uovo di dinosauro” nel terreno mentre si taglia il prato, è molto probabile che si tratti solo di una roccia. I veri fossili si trovano in particolari formazioni rocciose che le mappe geologiche possono aiutarti a identificare. Prima, dovrai familiarizzare con il tipo di terreno su cui si trovano quei depositi e quali sono le regole sulla raccolta dei fossili. Se ti limiti a camminare verso una formazione e a raccogliere un fossile senza compilare i giusti documenti e senza essere assolutamente certo di dove ti trovi, probabilmente stai infrangendo la legge.

Supponiamo che, indipendentemente da come sia stato acquisito, tu abbia quello che pensi sia un pezzo di osso fossile. Fuori dal suo contesto geologico è impossibile confrontarlo con la roccia circostante (i fossili sono spesso di colore diverso e più lisci delle rocce dello stesso deposito), ma se c’è una rottura sull’esemplare potresti essere in grado di controllare la sua struttura interna. Una roccia, come quella che ho mostrato al mio professore, sarà solida, e l’interno della roccia apparirà come l’esterno. Un osso fossile, invece, probabilmente conserverà la struttura interna dell’osso. In un osso fossile potrai vedere i diversi canali e la struttura porosa, segni sicuri che l’oggetto era di origine biologica. Puoi anche provare un test della lingua. La natura porosa di alcune ossa fossili le farà aderire leggermente alla tua lingua se le lecchi, anche se è meglio avere un bicchiere d’acqua a portata di mano.

Seguendo queste linee guida diventa più facile determinare se hai davvero trovato un osso fossile o no. Non ci vuole un dottorato di ricerca; solo un po’ di attenzione ai dettagli e buon senso.

Non perdere i nostri articoli simili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.