Interdisciplinarità al servizio delle collezioni

Da ottobre 2020, il Museo d’Arte e di Storia di Ginevra e l’Università di Ginevra lavorano insieme per studiare i dipinti francesi del XIX secolo del museo. Questo progetto si inserisce in una proficua collaborazione tra i due enti, che coinvolge direttamente gli studenti e che ha generato in passato diversi cataloghi di collezioni; sulla pittura fiamminga e olandese dal XV al XVIII secolo nel 2005 e nel 2009, e sulla pittura italiana e spagnola dal XIV al XVIII secolo nel 2015. Questo articolo vuole analizzare il meccanismo interdisciplinare che governa questo esperimento vivo e attuale.

Questo progetto di ricerca applicata combina quattro livelli di collaborazione: lo studio delle opere, il loro trattamento, la loro pubblicazione e la loro esposizione. Dopo una prima analisi dell’inventario, è stato compilato un primo corpus di circa 260 dipinti prodotti in Francia tra il 1800 e il 1918 circa.

Lo studio materiale e scientifico

I punti di vista e le conoscenze particolari del curatore-restauratore e dello storico dell’arte sono finalizzati alla comprensione della storia materiale delle opere, che comprende sia il loro processo di produzione che le successive trasformazioni che hanno subito nel tempo. Eseguite nel laboratorio di conservazione-restauro dei dipinti e nella sala di esame scientifico, le osservazioni dei materiali, effettuate alla luce dello spettro visibile, alla radiazione ultravioletta (UV), all’infrarosso (RIR) e mediante radiografia (RX) possono essere completate, secondo il caso, dall’analisi qualitativa dei materiali. Seguono le fasi successive del lavoro, dal supporto allo strato di vernice e alle fasi di finitura. Il ricalco applicato ad ogni opera permette anche di registrare i segni d’uso, i timbri di collezione e gli stencil applicati con inchiostro nero sul retro dei supporti dei numerosi fornitori di materiali artistici. Insieme all’analisi stilistica e ai documenti d’archivio esistenti, queste osservazioni forniscono una ricchezza di indizi sull’identità delle opere del corpus.

Molti dei dipinti studiati rivelano i marchi dei fornitori di materiali artistici, dei restauratori e dei corniciai, che sono stati progressivamente registrati nel corso degli ultimi anni e offrono indizi sul luogo di produzione, sulla datazione delle opere, sulla loro incorniciatura e sui precedenti lavori di restauro

Il trattamento di conservazione-restauro

Il dialogo tra il curatore-restauratore e lo storico dell’arte continua a livello del trattamento delle opere, facendo scelte diverse. Prima di tutto, si tratta di definire, all’interno delle collezioni, quali opere meritano un intervento prioritario, sulla base delle loro qualità estetiche e dei loro valori storici, ma anche secondo i vincoli dati (fattibilità, budget assegnato, tempi, ecc.). Poi, la natura e i livelli di intervento dovrebbero essere valutati. Nella collezione del MAH, la collezione di dipinti fiamminghi e olandesi è la prima ad aver beneficiato di un trattamento sistematico. Tra il 2002 e il 2009, i 280 dipinti della collezione sono stati trattati nei laboratori di conservazione-restauro di dipinti e cornici. Tutti sono stati sottoposti a misure di conservazione curative per garantire la loro stabilità. Di questi, 92 hanno richiesto un ampio restauro per poter essere presentati al pubblico.

Il corpus di 260 dipinti francesi sarà anche oggetto di una campagna sistematica di conservazione-restauro, inseparabile dallo studio. Ad oggi, diversi quadri sono già stati selezionati per il trattamento. Tra questi, il ritratto di Élise Masson, che porta la firma di Jean-Baptiste Guignet (1810-1857), è giunto fino a noi in cattivo stato di conservazione e, anche per questo, è stato dimenticato nelle riserve del Musée Rath e poi del Musée d’art et d’histoire (Fig.4). Tuttavia, per la sua qualità stilistica, merita di essere rivalutato e presentato nella mostra permanente delle Belle Arti. Abbiamo quindi deciso di includerlo nel programma di restauro, insieme a diverse altre opere poco conosciute.

La pubblicazione

Il catalogo della collezione è il genere editoriale per eccellenza: il dialogo necessario tra il curatore-restauratore e lo storico dell’arte si svolge intorno all’oggetto. Dopo la seconda guerra mondiale, si è sviluppata considerevolmente, suddividendo una collezione per periodo e per scuola e dedicando una nota dettagliata ad ogni opera. È un lavoro di squadra basato sul modello anglosassone sviluppato negli anni ’90. Per ogni voce, comprende una storia degli interventi e delle osservazioni materiali che sono oggetto di una sintesi sul mestiere del pittore.

Questo catalogo è quindi uno strumento fondamentale. Da un punto di vista scientifico, specifica non solo l’identità di ogni opera (Fig. 5 a 8), ma anche quella di una collezione di cui si può tracciare la storia e di cui si possono valutare i punti di forza e di debolezza. Dal punto di vista istituzionale, fornisce un mezzo di valorizzazione del patrimonio, che permette in particolare di restaurare una parte della collezione, di presentarla al pubblico e di farla conoscere meglio (il che determina il valore contrattuale dato dall’istituzione per i prestiti e i prestiti), di alimentare l’inventario, la documentazione e le collezioni online dell’istituzione, e di federare tutte le competenze del museo.

Mostra

Il catalogo dei dipinti fiamminghi e olandesi è stato accompagnato da due mostre che evidenziano parti importanti della collezione di dipinti, studiati e restaurati: La nascita dei generi (2005) e L’arte e i suoi mercati (2009). Va notato che, in questo caso, la mostra è subordinata alla pubblicazione dello studio, a differenza del catalogo della mostra temporanea.

Per il catalogo dei dipinti francesi del XIX secolo, abbiamo intenzione di innovare con una pubblicazione online, che permetterà di rivelare al più vasto pubblico possibile un patrimonio tanto ricco quanto poco conosciuto, appartenente alla comunità ginevrina, compiendo una delle missioni fondamentali di ogni museo. Sarà l’occasione per informare il pubblico sui diversi approcci investigativi: la ricerca della provenienza (che è diventata una questione delicata, soprattutto a causa delle spoliazioni della seconda guerra mondiale); gli indizi raccolti attraverso osservazioni materiali e indagini tecniche (immagini scientifiche, analisi dei pigmenti e dei leganti, ecc); e le indagini storiche, iconografiche e stilistiche. Metterà anche in evidenza alcune questioni: la distinzione tra l’originale, la copia e il falso (questione sollevata in particolare dai dipinti di Auguste Renoir e Vincent van Gogh); il ruolo dell’attribuzione nella valutazione economica e patrimoniale; la storia delle collezioni e del gusto; le missioni di un museo del patrimonio oggi.

Conclusione

Questa responsabilità condivisa del conservatore-restauratore e dello storico dell’arte nello studio, nel trattamento, nella pubblicazione e nell’esposizione è la base di una fruttuosa collaborazione che mira a combinare i punti di vista sullo stesso oggetto (interdisciplinarità) e non a giustapporre discorsi compartimentati (multidisciplinarità). Affinché questa collaborazione non sia solo un pio desiderio, deve essere posta al centro della formazione in conservazione e storia dell’arte. È in quest’ottica che gli studenti del Bachelor e del Master in storia dell’arte dell’Università di Ginevra sono stati coinvolti nei vari progetti menzionati. È anche in questa prospettiva che il settore Conservazione-Restauro del MAH accoglie regolarmente degli apprendisti nei suoi laboratori e li insegna dal 2010 nell’ambito del Master in conservazione del patrimonio e museologia delle Università di Ginevra, Losanna e Friburgo.

Se vuoi leggere di più di questo articolo, clicca qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.